Cos’è?

L'esame radiografico della spalla è un esame radiologico condotto mediante l'utilizzo di raggi X. Il risultato è un'immagine che evidenzia in modo differente le ossa rispetto ai tessuti molli perché le ossa sono strutture più compatte e appaiono più chiare rispetto agli altri tessuti. Attualmente le tecniche RX producono un'immagine digitale che viene gestita da computer. Oggi i risultati dell'esame vengono consegnati al paziente in formato digitale, generalmente su CD e DVD.

A cosa serve?

L'esame radiografico della spalla (Rx spalla) consente di valutare l'articolazione della spalla che include l'osso dell'omero, la scapola e la clavicola. L'esame, rapido e sicuro, si esegue nei casi di:

  • Traumi della spalla da caduta sia nei casi di sospetta frattura acuta o in esiti di frattura cronici
  • Per valutare la guarigione dell'osso dopo una frattura (per evidenziare la formazione del callo osseo) oppure in seguito a interventi chirurgici che hanno interessato l'osso (protesi, mezzi di sintesi, chiodi, etc.).
  • Per escludere o controllare la presenza di patologie di natura eteroplastica (lesioni focali benigne o maligne).
  • In vista di un intervento chirurgico (ad esempio per un impianto protesico) e per controllarne la tenuta nel tempo.
  • Nel caso di processi degenerativi che provocano alterazioni di ossa e articolazioni, come le artrosi, provocando dolore cronico o problemi al movimento.
  • Nel caso di processi infiammatori, come l'artrite, o infettivi.
  • Nel caso di problemi ai tendini (tendiniti) e ai legamenti la radiografia non è in grado di visualizzare gli elementi che compongono la cuffia dei rotatori (il complesso muscolo-tendineo della spalla), ma permette di evidenziare alterazioni costituzionali per esempio dell’acromion che favoriscono la degenerazione tendinea.

Servono preparazioni particolari?

La radiografia non richiede nessun tipo di preparazione speciale da parte del paziente e non è necessaria neppure la sospensione di terapie farmacologiche in corso.

Quali sono le proiezioni richieste più frequentemente?

Le proiezioni più frequenti sono : la A.P. Vera cioè un anteriore posteriore che consente di vedere la rima articolare , la proiezione a Y o out-let view per la morfologia Dell’ acromion e la assiale per verificare sub-lussazioni e morfologia della glena

Come si svolge?

L'esame radiologico è un esame di facile esecuzione, non invasivo e sicuro. L'esame dura circa 5 minuti. Tempi più lunghi sono richiesti solo per esami particolarmente complessi o quando è necessario ottenere più immagini. L'esame viene condotto ponendo l'area sottoposta a esame e il paziente in corrispondenza dell'apparecchiatura radiografica in una saletta protetta. Il paziente senza problemi di mobilità non ha bisogno di essere accompagnato e può tornare a casa subito dopo l'esame.

Scarica l'allegato